Indivia al succo d’arancia e polvere di olive nere

olive e arancia
Oggi vi proponiamo un’idea nuova ed originale per rendere il vostro pranzo o la vostra cena diversa, utilizzando prodotti della nostra terra; stiamo parlando dell’indivia al succo di arancia e polvere di olive nere.
Ecco cosa occorre:
  • olio
  • peperoncino piccante in polvere
  • origano
  • 1 cucchiaino di cappero
Lavate le arance, pelatele al vivo e tagliatele a fette piuttosto sottili raccogliendo il succo direttamente in una ciotola. Pulite l’insalata, lavatela, asciugatela e spezzettate delicatamente le foglie con le mani.
Lavate ripetutamente i capperi sotto l’acqua corrente, poi metteteli in un mixer con il succo di arancia tenuto da parte, 5 cucchiai di olio, un po’ di origano, una presa di sale e frullate fino a ottenere una salsa omogenea.
Suddividete l’indivia e le fettine di arancia nei piatti individuali, unite le olive snocciolate e condite con l’emulsione preparata.
Ponete le olive su una placca coperta di carta da forno e infornatele nel forno ventilato a 160 °C per 1 ora.
Mondate l’indivia, tagliate ogni cespo a metà e ogni metà in 3 spicchi; poneteli in una casseruola con il succo di arancia, il burro, lo zucchero, un cucchiaino di curcuma, un pizzico di sale e cuocete a fuoco lento per 35’.
Estraete le olive dal forno e riducetele in polvere tritandole con un coltello o frullandole.
Sgocciolate l’indivia dal sugo di cottura e adagiatela in un piatto da portata.
Riducete la salsa di cottura sul fuoco a fiamma vivace per circa 3’.
Versate la salsa sull’indivia, guarnite con polvere di olive a volontà.
Completate con un pizzico di peperoncino.
Servite.
Questa ricetta, di ispirazione siciliana, può essere arricchita con un ingrediente tradizionale, il finocchio, tagliato a fettine sottili. Se invece non amate particolarmente l’accostamento dolce-salato, potete sostituire la polpa dell’arancia con quella del pompelmo, decisamente amarognola.
C O N D I V I D I :
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Registrati con:



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *